Frantziscu Sale

Mara. 1932 - 2014
Dognunu cando pigat a sa gala
de si fagher onore at sa idea
ma est de sos poetas s’istadea
po chie a bolare abberit s’ala
ca si podet sentire ’e muta mala
e tando ’essit una gara fea.
S’istanote non bessit tantu bella
tzeltu no m’apo a fagher clientella.

Nasce a Mara nel 1932, esordì sul palco del suo paese natale a 16 anni, nel 1948, con Antoni Piredda e Remundu Piras. La morte prematura della madre, però, lo costrinse a ritirarsi dalle gare e a dedicarsi alla famiglia. Non dimenticò mai, però, la sua grande passione per la poesia. Lo ritroviamo così sul palco nel 1972, al suo secondo esordio a Pozzomaggiore, dove si trova a esibirsi a fianco di due mostri sacri della poesia estemporanea come Remundu Piras e Peppe Sozu. Da lì ricomincia una carriera che durerà 25 anni, e che lo porterà sulle piazze di tutta l’isola, facendone uno dei più grandi e apprezzati poeti estemporanei della Sardegna. Uomo di carattere riservato, preferiva i temi seri e di riflessione. Sul palco aveva rispetto assoluto del collega, non ricorreva mai a bassi espedienti per ingraziarsi la piazza. Muore a Mara nel 2014, all’età di 88 anni. ©Domus de Janas Editore

Gare