Jommaria Pulina

Ploaghe. 1884 - 1972
Unu cocòi su contu s’at fatu
de una pira chi in s’àlvure idiat.
Totacanta sa die passaiat
cun sos ojos fissados a su ratu
ca sa bona isperàntzia teniat
apena in terra ’e si nd’esser atatu.
Ma a poi sa pira nd’est falada,
l’est ruta susu e ischitzadu l’ada.

Nasce a Ploaghe nel 1884, inizia a cantare insieme a Barore Tucone e Barore Sassu. Poeta di vena genuina, il suo era uno stile ancorato alla tradizione. Barore Sassu, in un’intervista tra il serio e il faceto rilasciata a Paolo Pillonca, lo definì “unu poeta nuràgicu” in riferimento al suo modo di poetare rispettosissimo dell’identità della lingua e di una maniera arcaica di porgere verso e argomento. Per cinquant’anni Ranzolu (come veniva chiamato da amici e paesani) ha tenuto testa a diversi cantadores del periodo. Poeta dalla voce potente, prediligeva i temi giocosi. La sua ultima gara è del 1968 a 84 anni. Morì a Ploaghe il 6 febbraio del 1972, all’età di 88 anni. ©Domus de Janas Editore

Gare